Stampa

Relazione con le famiglie

Le basi del rapporto con la famiglia si pongono nella fase dell’inserimento che ha inizio dai primi contatti tra la famiglia ed il nido, ma anche successivamente, nel corso dell’anno ci saranno momenti di scambio, confronto tra nido e famiglia sull’andamento dell’esperienza.

Verranno quindi proposti colloqui individuali, per parlare con la famiglia del proprio figlio, incontri di gruppo allargato, dove sarà presente il coordinatore didattico, per affrontare argomenti proposti dal nido o indicati dai genitori su argomenti riguardanti la crescita del proprio figlio.

Importanti sono anche i momenti di festa che verranno organizzati dal nido nelle occasioni importanti della vita di una comunità (Natale, Carnevale, festa dei nonni, conclusione anno educativo, …..).

Il personale del nido “la stellina” vuole dare risalto all’importanza della relazione con la famiglia e a tal proposito ha pensato di favorire la permanenza prolungata, dei genitori che lo desiderano, al momento del ricongiungimento, in modo che possano giocare con i propri figli e non solo all’interno della struttura, favorendone l’ambientamento e il “sentirsi un po’ a casa” questo nel rispetto dei tempi dei bambini, propri e non. 

Il nido la stellina, consapevole che migliorare la qualità del servizio significa avvicinarsi ancora di più alle aspettative/esigenze degli utenti, mette a disposizione delle famiglie alcuni strumenti (cassetta delle lettere ”c’è posta per la zia”, quaderno dei commenti, lettere aperte sul “diario di bordo”) il cui obiettivo è rilevare costantemente il gradimento e soprattutto l’efficienza sia degli aspetti organizzativi che educativi del servizio.

Il diario di bordo è un quaderno riposto in una scatola personalizzata dai genitori, sul quale le educatrici hanno cura di annotare il vissuto dei bambini al nido e di arricchirlo di fotografie che sottolineano momenti particolari.

Sulle pagine di questo quaderno anche i genitori possono scrivere lettere aperte ai propri bambini o alle educatrici.

E’ sicuramente uno strumento molto utile nelle relazioni con i genitori, che non si sentano esclusi dalla vita del nido e al tempo stesso non si perdano momenti particolari come primi passi, e per i bambini perché offre loro la possibilità di rivedersi e rendersi conto dei cambiamenti e delle situazioni vissute al nido.
 
Non per ultimo offre agli educatori un momento di estrema confidenza e affettuosità con la famiglia, a dimostrazione dell’ estrema sensibilità degli operatori in servizio.
 

Le famiglie possono fare segnalazioni per il mancato rispetto degli impegni descritti nella Carta dei servizi che è stata loro consegnata, così come per fare proposte o dare suggerimenti ritenuti utili per migliorare la qualità del servizio.
 
Sin dall’inizio il nido ha creduto nei momenti di confronto con i genitori attraverso l’intervento di persone competenti esterne al nido: pedagogisti, psicologi etc
 
Nel sett 2011 al nido è iniziata una collaborazione con il Prof.Walter Fornasa docente dell’Università Professore ordinario per il settore M/PSI-04, Psicologia dellʼeducazione e dello sviluppo.
 
È membro del collegio Docenti del Dottorato in Scienze Pedagogiche, dove tiene lezioni di Psicopedagogia.
 
Accogliendo inoltre le richieste dei genitori di partecipare a serate che nn siano strettamente legate al nido, ma viste come condivisione di tempo e hobby, il nido organizza corsi di lettura, fotografia, cucito, etc.