Stampa

Cestino dei tesori

Quando riesce a stare seduto il bambino porta volentieri alla bocca gli oggetti che trova.

Per lui è indispensabile leccarli, succhiarli per scoprirne la forma, la consistenza, la superficie.

In comunità si pone subito il problema dell’igiene, ma al tempo stesso questa esperienza va assicurata con una ricchezza di oggetti molto diversi tra loro a cominciare dalla materia prima, ovviamente lavabili.

Prepariamo così il “cestino dei tesori”.

E’ costituito da oggetti in metallo come un cucchiaio, un portauovo, un coperchio, un barattolino; in vetro, ovviamente robusto (bottigliette da profumeria o da succhi), in legno (un mestolo, un piattino, …..), in pietra (un ciotolo, una pietra pomice, una grossa conchiglia).

Diamo prevalentemente materiali naturali contenuti in un cesto senza manici, ad uno o due bambini contemporaneamente seduti vicini, senza insegnare, senza suggerire, senza scegliere noi e mettere in mano.

Il bambino anche a 6/7 mesi è in grado di prendere da solo un oggetto per lui interessante.

Scarica le caratteristiche che deve avere il cestino dei tesori e preparalo a casa